Condivido con voi una facile ricetta per una confettura golosa ma con un retrogusto fresco dato dal limone.
L’ho scoperta a Magnano, facendo colazione una mattina di giugno presso la comunità di Bose.
Dopo varie prove, ho trovato il giusto equilibrio e…voilà! Risultato? Una confettura molto morbida, non troppo caramellata e con una nota di olio di limone che equilibra la dolcezza del fico.

INGREDIENTI

  • 3 kg di fichi non troppo maturi
  • 600 gr di zucchero di canna
  • 2 bucce grattuggiate di limoni grandi

PROCEDIMENTO

  1. Pelare e lavare i fichi. Ho ottenuto 2,7kg di frutta finita.
  2. Mettere sul fuoco medio (pentola antiaderente!) con lo zucchero di canna. Solitamente uso 300gr di zucchero per kilo di frutta, ma essendo il fico un frutto molto dolce, ho diminuito la dose.
  3. Cucinare la frutta per 40 minuti. Nel frattempo, sterilizzare i vasi con i tappi in acqua bollente e appoggiare i vasi su un canovaccio. CONSIGLIO: per non sporcare everywhere, mettete dello scottex intorno alla pentola….lo dico per esperienza sennò siete destinati a grattare zucchero caramellato ovunque!
  4. Ottenuta la densità desiderata, grattuggiare la scorza dei limoni e mescolare velocemente.
    Invasare subito (a me son venuti 5 vasi da 250ml e uno grande da 500ml), tappare e capovolgere i vasetti finchè non raggiungeranno il sottovuoto raffreddandosi (vale la prova tappo che non si solleva).

Io c’ho fatto una bella crostata e la mattina con il pane tostato da una carica incredibile!